FIASP 2groupama70 3ivv70 4ivv eruopa70 5tafisa70

resoconto eventi

 

  26-01-2020 Xª 100 PASSI...IN MARCIA PER LA VITA

La Gasparina di Sopra è una cooperativa sociale fondata nel 1983 a Romano di Lombardia, in provincia di Bergamo. Nasce come cooperativa di tipo A per la gestione di servizi terapeutico-educativi a carattere residenziale, in particolare per l’attivazione di percorsi finalizzati a riabilitare e integrare persone con problemi di dipendenza patologica.

Da una semplice e famigliare comunità ergoterapica la Cooperativa ha integra nel corso dei decenni nuove Unità d’Offerta, sperimentando nuove progettualità, strutturando nuovi servizi e ampliando le proposte di trattamento con l’obiettivo di rispondere in modo sempre adeguato ai diversificati bisogni emergenti in materia di tossicodipendenza. In tal senso la sinergia con i servizi del territorio e la costante collaborazione tra pubblico e privato rappresentano da sempre elementi centrali nel lavoro della Cooperativa.

Nel 1997 viene inaugurato un Centro di Pronta Accoglienza, inglobato negli anni successivi nella Comunità Terapeutica classica; dal 1999 viene attivata un’unità finalizzata all’accompagnamento al reinserimento sociale; nel 2001 apre la prima comunità terapeutica esclusivamente femminile in territorio bergamasco, nel Comune di Cologno al Serio; e infine, a partire dal 2012 prende avvio un progetto di housing sociale per percorsi a bassa intensità assistenziale.

I servizi alla persona, al suo benessere, l’attenzione alla dimensione della cura e della relazione sono da sempre al centro delle attività della Cooperativa. In quest’ottica, a partire dal 2011 la Gasparina di Sopra amplia la propria offerta affiancando ai servizi storici l’area dei servizi domiciliari: Assistenza Domiciliare Integrata, inclusiva di un’Unità di Cure Palliative Domiciliari, e Servizio di Assistenza Domiciliare.

Nel 2014 la Cooperativa diventa una cooperativa di tipo misto, A e B. Il nuovo assetto societario permette di sviluppare attività produttive e commerciali finalizzate all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate. L’attivazione dell’area B rappresenta anche per molti ospiti delle nostre comunità una possibilità di sperimentarsi, monitorare le proprie capacità, acquisire nuove competenze da poter spendere fuori, al termine del percorso di recupero, consentendo loro di uscire dal circuito assistenziale del soggetto svantaggiato. Il primo settore ad essere inaugurato è quello agricolo e con esso vede la luce anche il marchio di agricoltura sociale Cascina Gasparina. Negli anni successivi l’area B diversifica le proprie attività valorizzando le diverse professionalità presenti tra gli ospiti delle comunità. Ad oggi la Cooperativa offre servizi di manutenzione del verde, pulizie, traslochi e sgomberi, piccoli lavori di edilizia e imbiancatura.

 

La Cooperativa Gasparina Sociale di Sopra, in collaborazione con l’associazione Libera Contro le Mafie, organizza da 10 anni la CENTOPASSI, una Marcia per La Vita, manifestazione podistica non competitiva. I percorsi proposti sono 5 (8-14-20-24-31 Km) e si snodano per gran parte nella bella cornice naturalistica del Parco Regionale del Fiume Serio.

Il nome della manifestazione è stato scelto per lanciare un messaggio di legalità e giustizia sociale e promuovere una cultura della non indifferenza, temi molto cari alla nostra Cooperativa.

Questa manifestazione è anche un’occasione per aprire le porte della comunità al territorio e farci conoscere, non solo per il recupero dei pazienti ma anche per la capacità di creare e rafforzare legami con altri Enti e Associazioni.

Le diverse edizioni della marcia hanno sempre visto una buona partecipazione, sia da parte del territorio di Romano sia da altrove. L’edizione di quest’anno ha registrato 956 iscritti e ha visto la collaborazione di ben 70 volontari tra interni ed esterni. La CENTOPASSI è un’iniziativa che richiede un grande sforzo organizzativo per la nostra Cooperativa e che ci coinvolge tutti. L’organizzazione della manifestazione è un momento in cui si uniscono l’impegno dei ragazzi con la passione di tanti volontari e operatori che vivono insieme l’evento. L’apporto dato dagli ospiti delle nostre comunità è fondamentale ed è la prova concreta delle grandi risorse che hanno da spendere e donare agli altri. Inoltre, oltre ad essere un elemento educativo e terapeutico in sé, promuovere un’attività sportiva è un intervento in grado di permettere agli ospiti dei nostri servizi di fare esperienze diverse, scoprire possibili interessi, conoscere persone positive e motivate. L’impiego di tante energie viene poi ripagato da grande soddisfazione e senso di coinvolgimento in un progetto in qualità di risorse e non solo come “utenti”.

Oltre alla marcia la Cooperativa organizza da alcuni anni a questa parte un ulteriore evento sul tema della legalità. Si tratta di un momento di riflessione e di incontro con testimoni e protagonisti della lotta alla mafia. Quest’anno sarà con noi Francesca Ambrosoli, figlia di Giorgio, avvocato, assassinato nel 1979 per mano mafiosa. L’occasione di ascoltare dai protagonisti, in modo diretto, storie di scelte che hanno condizionato così a fondo la vita delle persone suscita sempre grandi emozioni e rappresenta per tutti noi, e specialmente per i nostri ospiti, un vero tesoro.

 

Gruppo Organizzatore

1 2 3

 

 

FIASP 2groupama70 3ivv70 4ivv eruopa70 5tafisa70